Ministero della pubblica istruzioneAfam

FreeUp

Studenti Giovanni Pucci, Francesca Sacchetti
Tesi di I livello in Disegno Industriale
A.A. 2009-2010
Relatore Biagio Cisotti
Correlatore esterno Francesco Curreli (designer Ariete) e Simone Berretti (Ingegnere Ariete)


FreeUp elmina l'impedimento del filo e si propone di superare i limiti dei comuni ferri cordless con l'introduzione della tecnologia dell'induzione elettromagnetica. Il ferro si compone di due parti: il cordless e la base. Il cordless, il ferro vero e proprio, è il corpo che andrà ad agire sull'abito, la base, invece è una piastra irradiante ad induzione collegata all'elettricità tramite cavo.
Per mantenere il ferro il più semplice possibile sono state spostate sulla vase tutte le componenti elettriche, sulla piastra troviamo quindi l'interfaccia e i comandi per l'accensione, lo spegnimento e l'impostazione delle temperature oltre alla spia che comunica quando il ferro ha raggiunto la temperatura ed è possibile iniziare lo stiro.
Gli studi con la termocamera e i prototipi funzionali hanno dimostrato che FreeUp raggiunge la temperatura massima, 200°C, entro due minuti dall'accensione e che necessita di appena 15 secondi sulla base per tornare a temperatura, mantenendosi stbile, quindi entro la tolleranza accettata di 20°C-40°C, per diversi minuti prima di dover essere rimesso in carica. Durante l'attività di stiro si raffredda infatti di circa 8°C al minuto, senza l'uso del vapore.
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su Google Plus