Ministero della pubblica istruzioneAfam

Less is Next 2010


14 dicembre 2010
LESS IS NEXT
Uniti contro la fame e la sete

presso EX3 Centro per l’Arte Contemporanea
Viale Donato Giannotti, 81/83/85, Firenze

L'Acqua e la sua filiera, il processo vitale del packaging delle acque,
le tematiche sociali ed economiche legate alla sua privatizzazione.
Testimonianze trasversali sul tema rielaborate in esperienze riflessive e progettuali.





Interviste a cura di InToscana

La terza edizione “Less is Next: Uniti contro la Fame e la Sete”, si è allineata alla tematica 2010 della Giornata Mondiale per l’alimentazione, ponendo l’accento sulla problematica di accessibilità e distribuzione dell’acqua, in Italia e nel mondo. L’acqua è stata nel corso degli anni inserita nelle logiche di mercato assumendo valore economico che è destinato a divenire sempre più centrale in futuro.

L'Acqua e la sua filiera, il processo vitale del packaging delle acque, le tematiche sociali ed economiche legate alla privatizzazione e argomenti correlati sono stati quindi l’oggetto su cui costruire una riflessione più ampia, a partire dal ruolo del progettista nel indirizzare e suggerirne nuovi stili di vita con uno sguardo cosciente rivolto al futuro non solo economico ma anche sociale. 

Il format si è evoluto privilegiando un andamento trasversale su vari campi, alternando interventi che hanno trattato il tema secondo aspetti maggiormente diversificati quanto più lo sono le competenze e l'approccio dei relatori. Gli studenti hanno potuto poi rielaborare le proprie riflessioni attraverso esperienze progettuali durante i laboratori del pomeriggio, con un approccio che ha privilegiato lo sviluppo pratico degli elaborati, approfondendo il contatto con materiali eco sostenibili, recuperando un'attitudine collaborativa e interattiva. Il pubblico è stato così posto in una dimensione attiva e riflessiva, senza essere messo nella condizione di "subire" concetti e parole sempre più abusati nella contemporaneità.

È possibile seguire gli aggiornamenti anche sul gruppo Less is Next su Facebook

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su Google Plus