Ministero della pubblica istruzioneAfam

What sex is an angel?

Evento itinerante sul tema dell'amore

Corso di Metodologia del Progetto di Comunicazione
A.A. 2008 - 2009
Docente Carlo Spoldi
Collaborazioni Certi Diritti, ArciGay, GayPride


Una mostra e una campagna stampa a sostegno dei diritti delle coppie omosessuali.
Gli studenti hanno ideato e realizzato una collezione di soggetti aventi come tema tanto l'ideale dell'amore nella molteplicità delle sue forme, quanto la restituzione dell'atmosfera unica della festa nazionale del Pride. Il progetto ha visto una mostra itinerante con tappe in varie città, tra cui Firenze e Roma, che si conclusa a Genova, il 27 Giugno 2009, in occasione della manifestazione nazionale del Pride.

L’anima centrale dell’iniziativa è espressa in questi termini dallo stesso Prof. Carlo Spoldi: “Immaginare è una scommessa, una sintesi, un azzardo. Reinventarsi il presente con uno sguardo diverso, possibilmente. Una scommessa che necessita libertà, completa e assoluta; ed è indicativo che oggi si possa fare all'ISIA, a Firenze.
Al diavolo le categorie: Gay, Lesbiche, Omosessuali, Transgender, Queer... Ci ostiniamo a catalogare le persone, in relazione allo loro conformità/differenza ai “Normali” o peggio “Naturali”. Pigra abitudine, le categorie si trasformano rapidamente in giudizi, insulti, criminalizzazioni: quelli con le orecchie grandi, quelli con gli occhi a mandorla, quelli di colore. Fortunatamente la Natura non fa distinzioni, immagina se stessa, in barba a religioni, governi e leggi, che ci vorrebbero normalizzati in gruppi rassicuranti.
E allora di cosa stiamo parlando? Di differenze di genere? Di “gusti sessuali”? O stiamo parlando di persone? Persone che si incontrano, si conoscono, si amano. E ancora, le persone hanno dei diritti? Diritti di cittadinanza, di sicurezza, di assistenza?
What sex is an Angel?”

Link
whatsexisanangelblog.blogspot.com

Contatti
Facebook
www.facebook.com/#!/whatsexisanangel
Myspace
www.myspace.com/476241950

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su Google Plus