Ministero della pubblica istruzioneAfam

Massimo Alvito

Mail
massimo.alvito@isiadesign.fi.it

Profilo

Sono un copywriter. Dopo un lungo tragitto di studi e un avventuroso percorso di ricerca*, nel 1996 ho fondato con Giulia Reali (un'altra copy in origine) almagreal, agenzia di comunicazione a servizio completo che lavora principalmente nei comparti del fashion, del food, della GDO, del retail e del financial.

La mia formazione a base antropologica mi porta a sviluppare progetti integrati di comunicazione content-based, dove le strategie di brand e di prodotto vengono orientate non solo al miglioramento delle performance aziendali quanto soprattutto alla creazione di asset valoriali che si traducono nello sviluppo e nell'implementazione di progetti centrati su content-mix dedicati.
È qui che i team creativi di almagreal si trovano immersi nel buglione di ciò che viene riduttivamente chiamato comunicazione – dalla copy strategy alle sue ricadute e traduzioni su tutti i media e in tutti i canali disponibili.

Durante l'estensiva esperienza di ricerca sul campo sui temi cruciali dello sviluppo sostenibile degli spazi urbani e del community building nelle megalopoli in Est-Asia, ho dato vita a INURBE International Network on Urban Research in the Built Environment, con partners attivi nelle diverse regioni dell'Asia Pacifico.

E ancora, al di là della direzione e partecipazione a progetti con protagonisti del design internazionale (Centro Studi Alessi, Pitti Immagine, Vitra Design M;useum), ho tenuto corsi di International Marketing all'MBA della ESE European School of Economics e alla FUA Florence University of the Arts.

All'ISIA di Firenze dal 2005, il mio approccio ai corsi di Tecnica di scrittura per i media e di Marketing è duplice: formativo e creativo, con la progettualità del singolo studente sempre al centro.

Alcuni progetti sviluppati negli ultimi anni in seno ai miei corsi ISIA:
– HomeSapiens (progetto editoriale sulla cultura dell'abitare)
– HoneyMoney (progetto di gamification dei processi di gestione del denaro)
– Ob-Jet-Lag (progetto di ricerca sugli oggetti in viaggio)
– Magna Carta (progetto editoriale sulla cultura del cibo)
– Il Tao del Brand (progetto di sviluppo di un sistema integrato di brand development)

Alcuni punti del mio decalogo:
– metti gli accenti giusti sulle rispettive lettere (summa della filosofia "back to the basics");
– usa la virgola e il punto con decisione, solo se desiderabile, e il punto-e-virgola con precisione, solo se necessario (primo segreto del copy);
– parla/scrivi/progetta solo ciò di cui hai qualcosa da dire (secondo principio dell'economia creativa);
– scopri che il triangolo cosa-oggetto-prodotto non è una teoria che lascia il tempo che trova ma una storia che ti prende col ritmo che ci vuole (sintesi del Tao del brand).

* che mi ha portato da Cagliari (nato e cresciuto, poi diplomato al Liceo Classico Siotto Pintor) a Gent (emigrato e studiato alla Stedelijke Academie voor Schone Kunsten – Gent, Belgio), da Bologna (rimpatriato e studiato a Lingue e Letterature Straniere prima e poi al DAMS indirizzo Arte dove mi sono laurato con Ugo Volli e Franco La Cecla con una tesi di ricerca sull'iconologia dello spazio giapponese) a Parigi (riespatriato con una borsa ERASMUS alla EHESS Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales dove ho studiato con Augustoin Berque, Algirdas Julien Greimas e tanti altri, e poi preso il DEA), da Tokyo (riespatriato per quattro anni con le borse di ricerca della Canon Foundation, Japan Foundation, UKIYO-E Ohta Museum, EU-STPJ Science and Technology Programme in Japan e studiato per il MA in Urban Design con Jinnai Hidenobu alla Hosei University, College of Engineering, Department of Architecture, Research Centre on Tokyo city) a Pusan (riespatriato ancora una volta con una borsa di ricerca della Korea Foundation alla Dong-A University, College of Agriculture, Department of Landscape Architecture), e Seoul (trasferito alla Seoul National University) e infine a Firenze.

Link
www.linkedin.com/in/massimoalvito

Materie
Tecniche di scrittura per i media
Marketing

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su Google Plus